Skip to Content

Tuesday, November 19th, 2019

di Massimiliano Furlan

(vinoclick) Come ormai da 33 anni è stata presentata a Roma presso l’Hotel Sheraton la guida Vini d’Italia 2020 del Gambero Rosso, vero punto di riferimento per professionisti ed appassionati del mondo del vino. I vini degustati sono stati 45000 e “solo” 22000 sono stati recensiti in guida che anche quest’anno ha mantenuto il suo classico formato, comodo e compatto, utile da portare sempre con se, sia in enoteca che al ristorante e sia da consultare davanti ad un buon bicchiere sul nostro divano di casa.

Nella giornata di presentazione, sempre molto ben organizzata con un prologo sontuoso all’Auditorium del Massimo dove sono stati consegnati i premi speciali che potrete leggere di seguito, inoltre sono stati elencati i 427 vini di 22 regioni che hanno conquistato i tre bicchieri, massimo giudizio della guida del Gambero Rosso

A fare gli onori di casa il Presidente Paolo Cuccia il quale ha fatto il punto sul mondo del nostro vino insistendo anche sul tasto del vino troppo economico sopratutto nell’export.

Nel pomeriggio sono stati presentati gli oltre 400 vini con i tre bicchieri con una sala davvero piena, sintomo di una grande partecipazione e voglia di bere bene e con molta educazione, tra l’altro i biglietti di ingresso erano esauriti da molto tempo a dimostrazione che il lavoro del Gambero Rosso è assolutamente di grande qualità, basti solo pensare che in qualsiasi manifestazione che si tiene intorno al globo loro ci sono a far degustare i nostri vini per farli conoscere anche in posti enologicamente consolidati come Francia, Stati Uniti o Australia.

Comunque sia, 33 anni sono davvero tanti, Vini d’Italia ha aperto la strada ad altri che oggi fanno guide ma che difficilmente pareggiano quella del Gambero Rosso. Se proprio dobbiamo trovare un difetto è la mancanza delle note organolettiche dei vini in guida, anche se poi sarà l’utente finale a stilarle, divertendosi senza essere condizionato.

Di seguito stiliamo la lista dei premi speciali

Rosso dell’anno: Carmignano Ris. 2016 Piaggia

Bianco dell’anno: Colli di Lui Vermentino Lunae Et. Nera 2018 Lunae Bosoni

Bollicine dell’anno: Valdobbiadene Brut Nature Particella 23202018 Sorelle Bronca

Dolce dell’anno: Trentino Vino Santo 2003 Toblino

Rosato dell’anno: Cerasuolo d’Abruzzo Rosa-ae 2018 Torre dei Beati

Cantina dell’anno: Frescobaldi

Rapporto Qual/Prez: Barbera d’Asti Lavignone 2018 Pico Maccario

Viticoltore dell’anno: Leopardo Felici

Cantina emergente: Tenuta Santa Caterina

Vitivinicoltura sost: Produttori di Manduria

Progetto solidale: Centopassi 

m.furlan@vinoclick.org