Skip to Content

Saturday, August 8th, 2020

uve

di Erminia Eleonora Magli

(vinoclick) L’allarme arriva da Bruxelles e a darlo è Paolo De Castro, coordinatore per il Gruppo Socialisti e Democratici della commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo: a rischio sarebbero tutti quei vini il cui nome deriva da un vitigno e non da un riferimento geografico: Lambrusco, Vermentino, in parte il Sangiovese, rischiano di essere cancellati dalla lista dei vini protetti nell’UE e di essere liberalizzati con l’ok della Commissione europea. De Castro ha riferito che, secondo l’Esecutivo UE, si può proteggere un nome con riferimento geografico, come il Prosecco che fa capo all’omonimo comune, mentre è difficile quando si tratta solo del nome di un vitigno, l’Esecutivo solleva il quesito di come si possa autorizzare uno Stato membro che impianta una certa varietà di uva a chiamare il vino con quel nome. De Castro assicura che si sta lavorando per cercare di cambiare l’approccio al problema ma che non è facile viste le posizioni contrastanti tra gli Statii membri produttori di vino.